Il Prodotto
L'uliveto di Buranco è medievale. Ma non è un monumento; anzi è pienamente produttivo. La pianta d'ulivo, infatti, non conosce vecchiaia: sopravvive alle generazioni. Anche per questo l'olio extravergine d'oliva è uno degli alimenti più antichi. L'olivo, simbolo della pace per eccellenza era, per questo (e per i suoi frutti), molto amato dai monaci che ne introducevano la coltivazione ogni volta che il clima, come nelle Cinque Terre, lo permetteva.
Nel caso di Buranco, il fatto che l'ulivo debba lasciare le zone più soleggiate alla vite (l'uliveto è volto a nord-est), ci fa scoprire un piccolo segreto: un'esposizione al sole meno costante fa maturare più lentamente il frutto e questo dà un olio extravergine particolarmente leggero e fruttato che, grazie alla spremitura a freddo immediatamente successiva alla raccolta, mantiene la freschezza e l'intensità delle olive appena raccolte.
Da 15 chili di olive si ottengono 2 litri di olio sopraffino. Solo questa dato dà un'idea della fatica e del tempo necessari per ottenere questo liquido, più umile, ma altrettanto prezioso del vino. L'olio d'oliva è l'unico olio che si conserva senza necessità di trattamenti chimici ed è fondamentale per un'alimentazione sana e naturale.
Le altre eccellenze
Buranco è, nell'appartato microcosmo delle Cinque Terre, un mondo a sé, perché a tutte le caratteristiche di questo angolo di mondo aggiunge un suo carattere, una sua felicità di posizione, di microclima.
Naturale, quindi, che, oltre al vino, produca anche tutta una serie di prodotti: grappa, limoncino, olio, miele.
Così, accanto ai vini d'eccellenza, pensati per un mercato di livello internazionale ecco, altre bontà del luogo prodotte in piccole quantità, per il piacere di gustarle, di offrire agli amici qualcosa che viene da una natura capace di esaltare i sapori più semplici, schietti e genuini.